Feed RSS

Castagnole

105

3 uova

350 farina

70 zucchero

60 burro

1 bustina di lievito

buccia di limone

olio per friggere

zucchero a velo per decorazione

 

Montate le uova con lo zucchero, aggiungete il burro sciolto, la farina e il lievito setacciati. Se le uova fossero troppo grandi e l’impasto troppo molle basta aggiungere un po’ di farina, se l’impasto è troppo duro basta aggiungere poco latte. Formate delle palline e friggere in olio bollente.

Dulche de leche – crema di latte

Questa crema di latte che ricorda molto un soft caramello è tipica dei paesi latini e viene usata sia come marmellata sia come farcitura per torta

43

1 litro di latte

250 gr di zucchero

1 pizzico di bicarbonato

 

 

Mettete a scaldare il latte con lo zucchero girando fino al suo scioglimento. Aggiungere un pizzico di bicarbonato e a fuoco basso lasciar cuocere mescolando spesso per evitare che la schiuma trabocchi. Man mano che l’acqua evapora il colore diventerà sempre più scuro. Il tempo minimo di cottura per ottenere la crema di latte è di 2 ore.

Torta con rose

WP_20160221_13_03_36_Pro

WP_20160221_13_04_00_Pro

WP_20160221_13_04_28_Pro

Minnie cake

Sapete quanto sia restia al cake design ma mi sono state commissionate due torte per una occasione speciale.

WP_20160221_13_07_59_Pro

WP_20160221_13_08_17_Pro

 

Ferratelle abruzzesi croccanti

WP_20160228_09_23_07_ProIn rete sono disponibili varie ricette ma per ottenere le ferratelle croccanti è necessario disporre dell’apposito ferro. In Abruzzo troverete in tutti i mercati un grande assortimento di piastre per fare questi dolci tipici. Le piastre possono essere da fuoco oppure elettriche, con diversi disegni ma soprattutto diverse scanalature. Per fare le croccanti è necessario un ferro dalla scanalatura molto bassa.

Ingredienti:

8 uova

10 cucchiai di zucchero

10 cucchiai di olio

Farina quanto necessaria ad ottenere un impasto cremoso (tipo ciambellone)

Aromi (limone, cannella, anice)

 

Procedimento:

La ricetta, come tutte quelle tradizionali, è assolutamente “ad occhio”. Rompete le uova in una ciotola, senza separare tuorli e albumi, sbattete fin quando si ridurranno le bolle e il composto sarà abbastanza liscio. Aggiungete la farina poca alla volta, dovete ottenere un composto cremoso, non troppo liquido, sollevando il frullino dovrà filare in modo liscio. L’aroma tipico per queste cialde è l’anice, ma non incontra i gusti di tutti quindi potete sostituirlo con cannella o limone grattuggiato.

Riscaldate la piastra, ungetela bene con un pennellino (è necessario solo all’inizio o tutt’al più se l’impasto dovesse iniziare ad attaccarsi alla piastra). Mettete un poco di impasto all’interno, chiudete e aspettate il tempo necessario che la cialda sia brunita. Ripetete l’operazione fino ad esaurimento impasto.

 

 

 

 

sfogliatella frolla napoletana

La sfogliatella frolla napoletana

Nel mio paese una coppia di signori napoletani aveva aperto una pasticceria che faceva dei dolci davvero eccellenti. Per motivi familiari “la bella Napoli” chiuse e mio padre ha cominciato l’affannosa ricerca delle sue adorate sfogliatelle. Nel blog trovate la ricetta delle sfogliatelle ricce, questa è quella delle frolle sicuramente più facili da preparare.

<br/><a href="https://i2.wp.com/oi67.tinypic.com/2em30cx.jpg" target="_blank">View Raw Image</a>

Ingredienti per la pasta frolla

300 gr farina (+ quella per stendere la pasta)

120 gr di strutto

120 di zucchero

buccia di limone grattuggiata

Ingredienti per il ripieno

500 ml di acqua

170 gr di semolino

1 uovo

200 gr di ricotta (preferibile pecora o misto pecora)

170 gr di zucchero a velo

80 gr di canditi (arancia e cedro)

sale

Per spennellare: 

1 uovo

poco di latte

Pasta frolla: Mettete in una ciotola la farina, lo zucchero e la buccia di limone grattugiata. Unite lo strutto e lavorate l’impasto fino ad ottenere un panetto liscio e lavorabile. Far riposare in frigo almeno per un’ora.

Ripieno: sarebbe preferibile preparare il semolino la sera precedente così sarà ben freddo al momento di adoperarlo. In ogni caso dovrà riposare il tempo necessario per raffreddarsi. Ponete in una casseruola l’aggiungete il semolino e cuocetelo finchè non si staccherà dalle pareti della pentola. (Forse ho fatto evaporare un po’ troppa acqua e il mio semolino era durissimo ma se è stato complicato amalgamarlo all’impasto di ricotta, l’impasto è risultato bello sodo). In una ciotola mescolate la ricotta setacciata e lo zucchero velato, unite il semolino freddo e amalgamate bene. In ultimo unite i canditi.

Prendete la pasta frolla dal frigo e dividetela in sei/sette piccoli panetti, usatene uno alla volta e riponete gli altri sempre in frigo. Stendete la pasta lasciandola abbastanza spessa, ponete al centro un po’ di ripieno, tagliate l’eccesso di pasta lasciando comunque un bel margine sufficiente ad essere coppata. Trasferite il cerchio di pasta con il ripieno sulla teglia coperta da cartaforno. Stendete un altro dischetto di pasta (fatelo abbastanza spesso anche questo, io ho fatto l’errore di farli molto sottili ed erano troppo friabili), ponetelo sul ripieno e coppate la pasta direttamente sulla teglia. Spennellate le sfogliatelle con l’uovo sbattuto con un poco di latte.

Cuocete a 180° C per 25 minuti circa.

Torta di carote

Torta di carote

La torta di carote è un dolce tradizionale dei Paesi anglosassoni, in Italia è esplosa con l’arrivato delle adorate camille Mulino bianco. La ricetta che vi propongo è una versione semplicissima base di questa torta. Nella carrot cake inglese si usa lo zucchero di canna che dona alla torta un colore bruno e la si copre e farcisce con la crema al formaggio spalmabile. Io preferisco questa versione semplice semplice da proporre a colazione e merenda

Ingredienti:

250 gr di carote pulite

3 uova

200 gr di zucchero

280 gr di farina

130 gr di olio di semi

1 bustina di lievito

vanillina

scorza di arancia grattugiata

1 cucchiaio di latte

Procedimento:

Dopo aver sbucciato le carote, pesatele e mettetele nel mixer con il latte e riducetele a purea. Separate i tuorli dagli albumi. Montate gli albumi con 100 gr di zucchero e teneteli da parte. Sbattete i tuorli con gli altri 100 gr di zucchero finchè siano chiari e spumosi. Aggiungete l’olio e amalgamate lentamente per sciogliere i tuorli/zucchero. Setacciate lievito e farina e aggiungetele al composto con i tuorli. Il composta sarà molto “secco”, a grossi granuli. Aggiungete le carote e la consistenza diventerà molto morbida. In ultimo unite poco alla volta gli albumi. Versate in uno stampo imburrato e infarinato e cuocete.

Infornate in forno caldo a 180° C per circa 50 minuti. Essendo una torta piuttosto umida ponetela nel ripiano in basso durante la cottura. Fatela raffreddare bene prima di tagliarla.